Toti tui

« Sono io, non temete »

– Signore quanto alte
sono le onde,

quanto oscura è la notte!
Non vorresti forse
illuminarla

per me che veglio solitaria?

– Tieni saldamente il timone,

abbi fiducia e conserva la calma.
La tua barca è preziosa ai miei occhi,

voglio condurla al porto.

Tieni continuamente
gli occhi fissi
sulla bussola.

Essa aiuta a giungere alla meta
attraverso notti e
tempeste.


L’ago della bussola
pur oscillando si mantiene.
Ti
mostrerà la rotta

che voglio vederti fare.

Abbi fiducia e conserva la
calma:

attraverso notti e tempeste
la volontà di Dio, fedele,
ti
guida, se veglia il tuo cuore.




Santa Teresa Benedetta della Croce [Edith Stein] (1891-1942), carmelitana,
martire, compatrona d’Europa
Poesia : « Am Steuer » / « La tempesta », 1940

Commenti su: "Un brevissimo dialogo: Edith e Yeoshua, bar Miriam" (1)

  1. Paola ha detto:

    Bellissime parole…..soprattutto vere, fanno bene al cuore! Un saluto e BUONA VITA!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: